Aemilia, spuntano minacce a pentito

Nuove presunte minacce e intimidazioni di stampo mafioso ai collaboratori di giustizia vengono alla luce, mentre è iniziata nell'aula del processo 'Aemilia' a Reggio Emilia la requisitoria del più grande processo alla 'ndrangheta al nord. Le conclusioni dell'accusa dovrebbero durare tre udienze; la sentenza invece potrebbe arrivare fra tre mesi: 151 gli imputati. Il clima in aula non è disteso. Nel corso dell'udienza dell'8 maggio infatti, come riportano alcuni quotidiani, il pentito Antonio Valerio avrebbe dichiarato, in videoconferenza dalla località segreta in cui è ristretto, di essere stato minacciato. La rivelazione arriva dopo che era emerso il 'pestaggio' ai danni di un altro collaboratore di giustizia, Paolo Signifredi, raggiunto e massacrato davanti a casa nel luogo protetto in cui risiede. Sull'episodio sono in corso indagini da parte dell'antimafia. Valerio avrebbe invece riferito di essersi sentito minacciato da dichiarazioni e atteggiamenti di altri imputati.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Noceto

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...